00:00:00

Tempo rimanente per avere iltuo ordine evaso entro oggi.

Rimani sempre aggiornato sulle offerte! Iscriviti alla newsletter

Acido Lipoico

Di cosa si tratta

L’acido α-lipoico (o acido tiottico) è una sostanza importante e necessaria per il nostro metabolismo. Il nostro corpo è in grado di produrne, sebbene in quantità modeste. L’acido α-lipoico è presente anche negli animali e nelle piante, e perciò si può trovare anche in vari alimenti: verdure, quali spinaci, broccoli, pomodoro, cavoletti di Bruxelles, patate e crusca di riso, carni rosse e frattaglie.

Nelle cellule l’acido α-lipoico è localizzato nei mitocondri. Proprio qui, svolge uno dei suoi compiti principali del nostro metabolismo. Esso è infatti è un cofattore importante per moltissime reazioni necessarie per la produzione di energia dal glucosio. Inoltre, permette un migliore controllo della glicemia, tanto che l’acido α-lipoico può essere considerato un “insulino-mimetico” (Diesel et al, Biochemistry, 2006). In pratica, l’acido α-lipoico ottimizza l’azione dell’insulina, così come Robin (l’acido α-lipoico) agisce da fida spalla di Bat-Man (l’insulina) nel combattere il crimine (iperglicemia e resistenza insulinica) a Gotham City.

Una seconda importantissima azione dell’acido α-lipoico è quella antiossidante. Esso agisce infatti sia da antiossidante diretto, andando direttamente a inattivare radicali liberi e rimuovendo metalli pesanti dall’organismo, e sia da antiossidante indiretto, in grado cioè di rigenerare altri antiossidanti della cellula come il glutatione, la vitamina C e la vitamina E (Biewenga et al, Gen Pharmacol Vasc Syst 1997).

In virtù delle numerose azioni e reazioni biochimiche nelle quali è coinvolto l’acido α-lipoico, su quest’ultimo sono stati svolti diversi studi su vari aspetti della nostra salute, che ne hanno indicato numerosi ruoli. Particolarmente interessanti e consistenti sono gli studi in soggetti affetti da dolori da neuropatia periferica, nei quale l’assunzione di 600 mg di acido α-lipoico andava ad alleviare i sintomi (Garcia-Alcala et al, J Diabetes Res, 2015; Agathos et al, J Int Med Res, 2018). Infatti, in questi casi di aumentato fabbisogno, l’acido α-lipoico diventa condizionatamente essenziale, cioè la produzione endogena del solo organismo non è in grado di far fronte all’aumentata richiesta.

In altri studi, è stato suggerito che l’acido α-lipoico possa rallentare l’invecchiamento cerebrale, per il suo ruolo neuroprotettivo, migliorare la funzionalità cardiovascolare e proteggere le molecole di colesterolo LDL (quello “cattivo”) dall’ossidazione (Patel et al, South Med J, 2014).

Nello sportivo sono molteplici i benefici che può portare l’acido α-lipoico: innanzitutto la sua azione antiossidante va a proteggere i tessuti dell’atleta dall’eccessivo danno da radicali liberi prodotti durante l’alto consumo di ossigeno. Inoltre, la sua azione “insulino-mimetica” può supportare l’atleta sia a gestire i carichi di carboidrati pre-gara (pratica diffusa in alcuni sport di endurance, come il ciclismo), sia a diminuire il rischio di iperglicemia reattiva (e quindi di riduzione di energia) dopo l’assunzione di carboidrati.

Anche in gravidanza l’acido α-lipoico ha mostrato prima di tutto la sua sicurezza per madre e nascituro e, in secondo luogo, la sua utilità, in particolare per contrastare la neuropatia periferica gestazionale (Costantino et al, Eur Rev Med Pharmacol Sci, 2014; Parente et al, Eur Rev Med Pharmacol Sci, 2017). Ovviamente l’assunzione di integratori alimentari in gravidanza va concordato con il proprio ginecologo.

Qual è il miglior modo per assumere un integratore di acido α-lipoico secondo i dati scientifici?

Gli studi di assorbimento dell’acido α-lipoico hanno mostrato che questo viene meglio assorbito a digiuno, mentre si verifica una riduzione di biodisponibilità del 20% quando esso viene assunto attraverso fonti alimentari (Gleiter et al, Eur J Clin Pharmacol, 1996). Su queste basi viene suggerito di assumere l’acido α-lipoico almeno 2 ore dopo aver mangiato o, se assunto prima del pasto, far intercorrere 30’ tra assunzione dell’acido α-lipoico e il pasto (Gleiter et al, Eur J Clin Pharmacol, 1996). Infatti, una volta assunto, Il tempo necessario per raggiungere le massime concentrazioni nel sangue è di circa 30’ a 1 ora (Breithaupt-Grogler et al, Eur J Pharm Sci, 1999).


I consigli di +Watt

Modo d'uso: si consiglia l’assunzione di 400-600 mg (2-3 capsule) di acido α-lipoico con un sorso d’acqua, a stomaco vuoto.